CRITICA

Marsura non si accorda alle correnti, non segue la moda, non percorre strade già battute. Il "mondo" che le sue opere rivelano è suo, interamente suo. La materia vibra, in uno slancio generoso, che ce la fa sembrare protesa verso l'avvenire. Gli oggetti più comuni, più usuali (chiodi, bulloni, tubi) costruiscono una realtà che si colloca all'estremo limite dell'immaginazione e che proprio per questo esercita sul visitatore una enorme forza di suggestione, come se chi passa davanti a queste opere "vedesse" improvvisamente un mondo in cui, fino a quel momento, aveva ignorato l'esistenza. Ecco dunque il segreto di Marsura, che è poi il segreto di tutti i veri artisti: "parlare" col pubblico, dare alla gente emozioni e sensazioni nuove, arricchire il patrimonio culturale, aiutare gli uomini a comunicare fra loro.Nasce sotto questi auspici la nuova età del ferro.Questo metallo, che Salvino Marsura, trevigiano adopera con sfrenata genialità.

   SCULTURE
 
   CASCATA CON GLICINI

        H.cm. 170x110x100

 

 


SI DEDICA ALLA SCULTURA E ALLA PITTURA DAL 1957.
HA EFFETTUATO OLTRE 200 MOSTRE PERSONALI IN ITALIA E ALL'ESTERO.

 
    CAVALLO CON VOLPE

         H. 145x140x110

 


   I DUE AMANTI

       H. 140x170x200
  GALLO MISTERIOSO

      H. 70x45x58